Tutto quello che c'è da sapere sul parquet in legno massello o tradizionale: tipologie, essenze, messa in posa e costi

A che cosa ci si riferisce quando si parla di parquet in legno massello? Quali sono le essenze più impiegate? Quali i costi e i tempi di messa in posa? Perché oggigiorno il parquet tradizionale è nettamente inflazionato rispetto al prefinito? Tutto quello che c'è da sapere sul parquet in legno massello.

La pavimentazione in legno è stata da sempre impiegata per le abitazioni private, ma se prima questo materiale veniva classificato come povero e privo di pretendenti nobili, oggigiorno, invece, il parquet, diventa un elemento indispensabile per tutti coloro che vogliono conferire alla propria casa un tocco di eleganza, di stile e al contempo di accoglienza e calore.

Nelle grandi corti o nelle case nobiliari si preferiva adornare il pavimento con il luccichìo del pregiato marmo, mentre il legno veniva lasciato alle abitazioni povere, ma questo accadeva un tempo, poiché ai giorni nostri il parquet ha acquistato un tale pregio da conquistare tutte le tipologie di clientela: molteplici colori e essenze sono disponibili nel mercato, come anche diverse qualità e costi.

La tipologie di parquet più pregiata è sicuramente quella tradizionale, chiamata anche massello, in quanto la sua struttura è interamente realizzata in legno, evitando qualsiasi forma di stratificazione.

CHE COSA SI INTENDE PER PARQUET IN LEGNO MASSELLO?

Il legno massello, o tradizionale, è costituito al 99% da legno grezzo da levigare e lucidare. Solitamente, i legni più impiegati per la realizzazione di un parquet tradizionale rientrano tra quelli più duri, proprio a causa della maggiore resistenza richiesta: buona stabilità prima di tutto. Tuttavia le caratteristiche variano a seconda dell'essenza impiegata, poiché ognuna possiede specifiche caratteristiche riguardanti la durezza e la resistenza alle variazioni ambientali. Inoltre, in base all'ampia gamma di tonalità, colore e venature è possibile scegliere tra queste tipologie di parquet in legno grezzo:

  • parquet chiari, come l'abete, l'acero, il rovere e il faggio;
  • parquet bruni come l'iroko, il teak, l'olivo, la noceo l'acacia;
  • parquet rossi, come il ciliegio, il dossi o ancora il merbau;
  • parquet scuri come il wengé, lo jatoba o il kosipo.

La scelta dell'essenza da impiegare per la realizzazione di un parquet in legno massello è una valutazione da effettuare con cura poiché alcune tipologie di legno reagiscono in maniera evidente ai cambiamenti di temperatura e di umidità.

Parquet in legno massello
(Parquet in legno massello di colore bruno)

Tra le essenze legnose più resistenti e più duri troviamo il Muhuhu, proveniente dalla Tanzania, l'Acero americano, invece, a differenza dell'Acero Europeo è più stabile ai cambiamenti di temperatura, come anche il Teak, Jatobà, Sucupira, Cabreuva, Iroko, Afrormosia o l'Olmo.

È possibile trovare nel mercato listoni di parquet in legno massello, pressappoco, con le seguenti dimensioni:

  • il lamparquet con spessore di 10 mm, larghezza di 60 mm e lunghezza di 300mm;
  • il listoncino con spessore di 14 mm, larghezza di 70 mm e lunghezzza compresa tra 450/500 mm;
  • il listone con spessore di 14 mm, larghezza di 90 mm e lunghezza compresa tra 600/1200 mm;
  • il maxi listone con uno spessore di 15 mm, larghezza di 120 mm e una lunghezza compresa tra 600/1400 mm.

QUALI SONO I PROCEDIMENTI DA SEGUIRE PER OTTENERE UN OTTIMA POSA DEL PARQUET IN LEGNO MASSELLO?

Come per tutte le tipologie di parquet, soprattutto per quelli realizzati in legno massiccio è necessario procedere con un lavoro artigianale minuzioso oltre che una messa in posa accurata, in sostanza, il legno del parquet massello deve subire particolari trattamenti che vanno dalla levigatura alla verniciatura.

Il processo di levigatura viene effettuato con l'impiego di macchine smerigliatrici a carta abrasiva, seguendo l'iter di tre momenti differenti, con abrasione via via più fine. Si procede poi alla stuccatura, in modo tale da colmare e livellare tutti quei punti di imperfezioni tipiche del legno, al fine di completare la finitura e facilitare il lavoro di manutenzione.

Parquet in legno massello con decori

(Parquet in legno massello con decori perfettamente lucidato)

La parte finale è costituita dalla verniciatura, effettuata per mezzo di un pennello o di rullo, con  l'impiego di vernici trasparenti, preferibilmente ecologiche e ad acqua, che servono a formare una pellicola idrorepellente che serve a proteggere il legno del parquet. La finitura ad olio consiste in un trattamento impregnante che serve per saturare i pori del legno ed esaltarne le tonalità tipiche di ogni essenza. La finitura a cera, in ultimo, produce un effetto molto naturale, ma richiede una periodica manutenzione.

QUALI SONO I VANTAGGI E I LATI NEGATIVI DEL PARQUET IN LEGNO MASSELLO?

L'interezza della sua struttura lignea offre al parquet massello numerosi vantaggi di resistenza e robustezza, come anche aspetti svantaggiosi, facilmente riassumibili nei seguenti punti:

  • resistenza nel tempo;
  • maggiore capacità di isolamento;
  • maggior tempo impiegato per la messa in opera;
  • maggiori costi per la messa in posa;
  • non è consigliabile impiegare il parquet in legno massello quando esiste già un riscaldamento a pavimento.

Il parquet massello può subire la levigatura più volte, ripristinando ogni volta l'antico splendore; va da se che questa operazione dipende completamente dallo strato di legno che si ha a disposizione: solitamente è sufficiente levigare il parquet ogni dieci anni, rimuovendo uno strato ligneo di appena 0,5 mm.

Il legno, inoltre, di per sé, è uno dei materiali più isolanti, dunque la naturalezza di un parquet conferisce un isolamento totale ai locali dove esso viene impiegato.

Messa in opera di un parquet in legno massello
(Messa in opera di un parquet in legno massello)

Chiaramente, trattandosi di un parquet allo stato grezzo, è necessario un notevole dispendio economico per la messa in opera, in quanto bisognerà conferire al legno quella lucentezza e quell'eleganza, tipiche di una pavimentazione in parquet: sarà necessario, infatti, ricorrere alla levigatura e alla lucidatura prima di procedere con la posa. Inoltre, maggiori sono i tempi di attesa prima di poter comodamente calpestare il parquet massello, poiché è necessario che passino tre settimane e poi ancora un paio di giorni tra levigatura, stuccatura, sigillatura e trattamento.

Il maggiore costo riguarda anche la messa in posa, poiché i listoni di parquet massello sono generalmente di dimensioni ridotte rispetto a quelli del prefinito (e generalmente a minori dimensioni dei listelli corrisponde un prezzo di posa maggiore).

QUANTO COSTA UN PARQUET IN LEGNO MASSELLO?

Il costo del parquet realizzato in legno massello dipende da differenti fattori, tra i quali i seguenti:

  • l'essenza impiegata, in base, dunque, all'economicità del legno, ad esempio un parquet in acero è più economico di uno in olivo o in noce;
  • il formato;
  • il disegno del legno, che varia in base alla scelta tra rigatino e nodino; nel primo caso, infatti, il costo sarà più elevato, poiché le venature del legno sono quasi parallele tra loro, nel secondo caso o comunque per le prime o per le seconde la presenza di nodi per metro quadro ne abbassa notevolmente il costo.

Il formato di parquet in legno maggiormente presente sul mercato è il lamparquet, ad un costo di circa 20 euro al metro quadrato.

COME AVVIENE LA MESSA IN POSA DI UN PARQUET IN LEGNO MASSELLO?

Solitamente, per la messa in posa del parquet in legno massello si sceglie di procedere per mezzo di colla o per mezzo di chiodi (si preferisce quest'ultima tipologia di messa in posa solo nel caso di listelli molto lunghi o quando è necessario ripristinare il massetto, oramai logoro e fortemente compromesso: il parquet scricchiolerà un pò). Sia nel primo, sia nell'altro caso i tempi di attesa sono molto lunghi e prima che si possa calpestare il parquet sarà necessario attendere da un minimo di 15 ad un massimo di 20 giorni.

UNA PARTICOLARE TIPOLOGIA DI PARQUET IN LEGNO MASSELLO: IL PARQUET INDUSTRIALE.

Proprio per la sua elevata resistenza, il parquet massello è impiegato per la pavimentazione di edifici soggetti ad un alta percentuale di affollamento, dunque di calpestio, quali, ad esempio, le palestre, i negozi. In questo caso, viene impiegata una tipologia di parquet massello chiamata industriale composto da listelli molto sottili, caratterizzati da grossi spessori, alta  resistenza e costi contenuti.

Parquet in legno massello industriale
(Parquet in legno massello industriale impiegato per la pavimentazione di una palestra)

Oggigiorno, però, grazie all'efficienza e alla maestria dei produttori di listoni in legno, in grado di conferire quella peculiare eleganza anche alle tipologie più grezze (come è il caso del massello), il parquet industriale viene impiegato per la pavimentazione di abitazioni. Il suo punto a favore è costituito da un'estetica elegante e raffinata, costituita dall'assemblaggio di piccoli listelli, montati in blocchi a forma di quadrato o rettangolo, solitamente in senso verticale.

In particolar modo, l'impiego del parquet industriale all'interno delle abitazioni è anche favorito dalla possibilità di introdurre un listone di colore differente tra gli altri, in modo tale da formare disegni e decori caratteristici e di forte impatto visivo: gli architetti e gli interior designer hanno trovato in questa tipologia di parquet un alleato per la realizzazione di stili diversi, dall'old country al moder style.

PERCHÉ OGGIGIORNO SI PREFERISCE MAGGIORMENTE IL PARQUET PREFINTO A QUELLO MASSELLO?

Nell'era in cui tutto si muove velocemente, senza un attimo di tregua, i tempi lunghi di preparazione del parquet massello non sono molto accettati dagli uomini contemporanei. Ecco che a far da concorrente a questa tipologia di parquet, è proprio il prefinito, o precisamente il parquet in massello prefinito.

Se il parquet massello è formato integralmente da legno ed è venduto allo stato grezzo (cioè da levigare e lucidare), c'è da dire che i costi elevati, i tempi lunghi di posa e gli interventi di manutenzione periodica ne limitano l'ampia diffusione nel mercato favore del parquet prefinito.

Quest'ultimo è costituito da diversi strati lignei differenti, anche meno pregiati, ma quello superficiale è interamente realizzato in legno nobile massello con uno spessore di almeno 2,5 mm.

Parquet prefinito

(Listoni di parquet prefinito)

Il parquet prefinito massello, subendo il processo di levigatura durante la fase di produzione, può essere messo in posa in un tempo notevolmente più ridotto e può essere calpestabile in meno di 24 ore; inoltre, grazie alla verniciatura industriale che consente di passare fino a 7 mani, è possibile assicurare una maggiore resistenza all'usura a al tempo. Il legno prefinito massello unisce, dunque, la praticità del parquet prefinito all'eleganza e alla naturalezza di quello massello.

Articolo letto 20.091 volte

Autore

Dott.ssa Sara Tomasello