A qualcuno piace Antico... Il parquet vissuto e le sue particolarità

Il parquet è un classico che non tramonta mai, ma esistono diverse scuole di pensiero riguardante il pavimento in legno. Vi sono persone che affermano che debba essere lucido e immacolato, e chi apprezza invece ogni suo più piccolo segno di usura, ogni suo cigolio e graffio.

Il parquet è forse uno dei pavimenti più caldi che possa essere utilizzato in un'abitazione. Regala alla casa un'atmosfera calda e accogliente, proprio perché il legno è un materiale che trasmette sensazioni di vitalità e calore, che offre diverse tonalità di colore a seconda della luce e che si modifica secondo i trattamenti da noi utilizzati.

Scegliendo il parquet nella nostra abitazione decidiamo anche di possedere qualcosa di diverso da tutti gli altri pavimenti, poiché ogni più piccolo elemento del legno è unico e inimitabile. Il legno è un materiale vivo che riesce a regalare emozioni e calore.

camera con parquet e camino

(Pavimento in parquet stile antico)

Dalle case di campagna, alle abitazioni rurali, dai grandi casali fino ad arrivare a ville prestigiose e alberghi di lusso: il parquet è un materiale che si può adattare alle più svariate circostanze. Scegliere il parquet può rappresentare una vera e propria sfida, in quanto ha bisogno di attenti e costanti accorgimenti per mantenerlo curato nei suoi più piccoli dettagli ma saremo ripagati possedendo un materiale unico, originale e antico, sicuri di avere un prodotto elegante ed esclusivo.

parquet in un rustico

(Pavimentazione di un ingresso in parquet)

Il parquet non è soltanto un caldo pavimento in legno, ma può diventare una vera e propria espressione di arte e cultura.

Al fine di convivere con la natura, che è fonte di vita e la risorsa energetica del futuro più grande che possediamo, l'uomo ha il diritto etico e morale di rispettarla. E' per questo che oggi le aziende produttrici di parquet utilizzano delle tecnologie di produzione rispettose nei confronti dell'ambiente, garantendo risultati elevati.

Per cercare di causare un minor impatto possibile con la natura, il parquet viene a volte realizzato da oggetti non più usati da tempo o da antiche cascine da cui si riesce a ricavare del legno buono e di qualità.

Il legno recuperato viene in seguito pulito e restaurato da persone esperte del settore e separato in lamine di 4-5 millimetri. Questi strati saranno poi uniti a lamelle di betulla e a una lamina di legno nobile, fino a raggiungere uno spessore di 15-18 millimetri. Il legno così ottenuto sarà lavorato con diversi prodotti quali oli, cere e vernici apposite che cercheranno di rispettare e mantenere l'antica bellezza del legno recuperato.

 Vintage Parquet

(Parquet a mosaico)

Ciò che rende il parquet un prodotto affascinante è sicuramente la sua resistenza e durata nel corso del tempo. Con lo scorrere degli anni il pavimento non si avvia al suo declino, bensì acquista valore, un valore soprattutto affettivo. Un parquet vissuto infatti è un pavimento che mostra lo stile di vita e le abitudini di un'intera famiglia. Le imperfezioni non rappresenteranno segni di usura, ma dovranno essere interpretate come la manifestazione di calore e di una vita domestica vissuta appieno. 

Si tratta nel caso del parquet del calore autentico e raffinato di un pavimento che nella sua eleganza mostra graffi e imperfezioni, che altro non sono che il simbolo del passare del tempo. Le case produttrici di parquet si sono adeguate a queste ultime attitudini e iniziano ad offrire non più solo un prodotto esteticamente perfetto e lineare, ma anche un parquet che metta in risalto tutte le reali caratteristiche del legno, quindi i suoi nodi, i tagli irregolari, le venature e tutte le sue imperfezioni. Il concetto è di presentare un prodotto innovativo e al passo con i tempi mettendo in risalto quell'effetto antico e di legno vissuto che oggigiorno è tanto ricercato.

Dimostrazione di parquet antico

(Pavimentazione di un salotto in parquet)

Il parquet a effetto vissuto, realizzato ormai da tantissime società, è un prodotto che mostra un'età che nella realtà non possiede, che è considerato vintage e dal carattere intimo. Il parquet vissuto è sicuramente idoneo ad antichi casali e ville di campagna, ma può risultare al meglio anche in un ambiente moderno, creando un entusiasmante contrasto tra nuovo e antico.

Anticamente la posa del parquet avveniva tramite una pratica ben nota fin dagli anni '20. Il parquet veniva infatti posto su pavimenti pre-esistenti come cotto, piastrelle in cemento, pietra. Sopra al vecchio pavimento era creato uno strato di sabbia per realizzare un piano, il quale era poi coperto da della carta normale. Dopodiché si potevano affiancare, l'uno accanto all'altro, i listelli di legno uniti da piccole strisce in metallo. Ancora oggi in case d'epoca si può trovare questo tipo di posa.

La tecnica moderna è leggermente cambiata. Il parquet può essere posato su pavimenti pre-esistenti, salvo che questi non siano ricoperti di moquette, PVC o linoleum. In questo caso questi rivestimenti dovranno essere eliminati. In seguito la superficie per la posa dovrà risultare liscia, compatta e omogenea, preoccupandoci di lavare, stuccare e sgrassare il pavimento. Si potrà quindi proseguire con la posa vera e propria del parquet, che avverrà o mediante un collante apposito o mediante la più nota tecnica di posa flottante, che consiste nell'incollare i listoni solo negli incastri, appoggiandoli su di una guaina isolante o su di un materassino termoacustico che dovrà essere risvoltato nella parte interna del battiscopa. E' oppurtuno lavorare con un'ottima illuminazione artificiale o solare, così da poter subito vedere un eventuale errore e rimediare. Infatti se notiamo un difetto a fine posa potremo in quel caso solamente stuccare.

Dimostrazione posa parquet

(Posa del parquet)

Bisogna tener conto della dilatazione del parquet e quindi è necessario lasciare uno spazio di circa 1 centimetro vicino alle pareti.

Il primo passo sarà quello di scegliere da quale parte della stanza iniziare, solitamente si comincia da uno degli angoli della stanza, e poggiare l'incastro femmina della tavola verso il muro.

Si consiglia solitamente di iniziare ponendo la tavola del parquet in posizione parallela al muro lungo della stanza. I listelli posti dopo il primo dovranno esser fatti aderire con qualche colpo di martello, meglio se in gomma. Nel caso le pareti richiedessero dei tagli particolari, si possono girare le tavole e segnare direttamente sul retro la forma desiderata.

Una volta terminato con il pavimento dovremo mostrare la massima precisione nella posa dei battiscopa, prestando attenzione a misure e angoli. Per ulteriori informazioni sulla posa del parquet rimando all'articolo: La messa in posa flottante del parquet: in che cosa consiste? Come avviene? Quali sono le motivazioni per preferirla ad altre tecniche?

La manutenzione del parquet antico è semplice, ma è necessario seguire attentamente delle semplici regole.

Come si pulisce il parquet

(Manutenzione del parquet)

  • Giornalmente si possono eliminare briciole, polvere, peli, sassolini e materiali che si depositano sul pavimento con una comune scopa o con un aspirapolvere dalle spatole morbide.
  • Un panno umido (non abbondante acqua perché si rischierebbe di far gonfiare il parquet che aumenterà il proprio volume, rischiando anche di distaccare le listarelle del parquet dal pavimento) con l'applicazione di un detergente neutro garantirà una buona pulizia, eliminando a fondo la polvere. Una volta che il pavimento è completamente asciutto si può passare sul parquet un panno di cotone, seguendo le venature, per lucidare il legno.
  • Per una pulizia più profonda e per assicurare il nutrimento del parquet bisognerà utilizzare un panno umido con oli speciali o cera, che dovranno esser fatti assorbire dal legno, il quale si nutrirà di questi prodotti creando una pellicola di protezione.

Articolo letto 5.895 volte

Autore

Roberta Bianca