Tutto quello che c'è da sapere sui pavimenti e sulle piastrelle in ceramica: la classificazione in base alle caratteristiche e alle lavorazioni

Tutto quello che c'è da sapere sulle piastrelle e sui pavimenti in ceramica: dalle caratteristiche, agli impieghi. Le classificazioni delle piastrelle in ceramica secondo la cottura, la lavorazione e la finitura. Le nuove frontiere delle piastrelle e dei pavimenti in ceramica: la tecnica ad incastro.

La ceramica è uno dei materiali più scelti per il rivestimento di pareti e pavimenti. Ma forse, sarà meglio parlare di ceramiche, data la grande varietà di materiali che rientrano tra questa classificazione. La versatilità, la praticità, le colorazioni, le rifiniture e le composizione, fanno delle ceramiche i materiali più adatti per qualsiasi tipologia di rivestimento.

CENNI STORICI

Se un tempo, le piastrelle in ceramica venivano considerate come materiali di seconda scelta, poco pregiati, ma per questo motivo molto pratici e facili da pulire, oggigiorno, anch'esse sono riuscite a ritagliarsi una gran fetta di mercato che non si limita solamente a preferirle per la praticità, ma le sceglie per il grande effetto estetico, di design, che esse riescono a conferire agli ambienti.

Piastrelle per il rivestimento del bagno
(Piastrelle per il rivestimento delle pareti di un bagno)

Se in un primo momento, le piastrelle in ceramica venivano impiegate solamente per il rivestimento di cucina e bagno, dalla metà del secolo scorso, esse hanno preso sempre più potenza, soppiantando gli altri materiali. L'intera casa, dunque, accoglie le ceramiche per le loro caratteristiche tecniche, oltre alla grande attitudine ad imitare l'aspetto degli altri concorrenti.

Le ceramiche, inoltre, sono un prodotto made in Italy, affermatosi nel mercato internazionale dagli anni 50 del secolo scorso, capace di tener alto la prestigiosa maestria, abilità e artisticità del nostro paese.

QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DELLE PIASTRELLE IN CERAMICA IMPIEGATE IN EDILIZIA?

Le ceramiche sono ben accolte in edilizia per tutte le proprietà che esse detengono. Esse, infatti, sono caratterizzate da una bassa conducibilità termica, un'elevata durezza, impermeabilità e resistenza all'usura, alle macchie, ai carichi e agli acidi.

Le piastrelle in ceramica sono dotate di particolari rifiniture che le rendono facili da pulire, oltre che immediate nella manutenzione e nel ripristino. Tale fama è data dallo strato di smalto che è presente in superficie, in grado di rendere la piastrella in ceramica meno porosa e per questo meno soggetta all'azione dello sporco (le ceramiche smaltate sono poco assorbenti).

QUALI SONO LE TIPOLOGIE DI PIASTRELLE PRESENTI IN COMMERCIO?

Le caratteristiche delle piastrelle in ceramica, derivano dalle particolari tecniche di cottura: monocottura e bicottura. Basterebbe fare un giro tra i negozi specializzati nella vendita delle piastrelle in ceramica, per imbattersi in questa terminologia che, apparentemente semplicistica e immediata, ne chiarisce la funzionalità.

La monocottura consente alle piastrelle in ceramica di giungere al prodotto finito in un unico passaggio all'interno del forno: in questo modo, le alte temperature riescono a cuocere il supporto e lo strato superficiale, solitamente smaltato. La bicottura, invece, consiste in un doppio passaggio delle piastrelle all'interno del forno: in un primo momento, avviene la cottura del solo supporto (chiamato anche biscotto), in un secondo momento, invece, si procede con la cottura dello strato superficiale della piastrella che, se smaltato, consentirà di fissare la particolare finitura.

Angolo rivestito con piastrelle in ceramica
(Angolo rivestito con piastrelle in ceramiche)

Durante la cottura vengono eliminate alcune particelle compositive dall'impasto, cosicché, in base alla temperatura del forno, oltre che alla tempistica di cottura, le piastrelle in ceramica possono essere differenziate. Solitamente si suole dividere i prodotti finiti in due distinti gruppi, ovvero:

  • le piastrelle in ceramica particolarmente resistenti all'usura, agli urti, al tempo e al calpestio, solitamente impiegati per la pavimentazione;
  • le piastrelle in ceramica, meno resistenti, ma caratterizzate da un particolare effetto estetico che, invece, vengo impiegate per il rivestimento.

Va da sé che, mentre le piastrelle, solitamente impiegate per la pavimentazione, possono facilmente essere impiegate anche per il rivestimento di pareti o di piani d'appoggio, il contrario è pressoché impossibile, poiché le piastrelle adatte per il rivestimento non presentano le medesime caratteristiche richieste, invece, per la pavimentazione.

Per fornire una classificazione più dettagliata e precisare le differenze nella natura e nell'applicazione delle piastrelle in ceramica, si può anche parlare di piastrelle per esterni e piastrelle per interni:

  • le piastrelle per gli ambienti esterni sono caratterizzate da una buona resistenza agli agenti atmosferici, in maniera particolare al gelo; tra questo gruppo possono inserirsi il gres porcellanato, il clinker e le terrecotte;
  • le piastrelle per interni, ovvero la maiolica, la bicottura o la monocottura, devono garantire un'alta resistenza all'usura e calpestio, come anche alle sostanze acide.

In base alla finitura (smaltatura, levigatura o lappatura), più o meno precisa, e in base ai difetti caratteristici di ogni singola piastrella, si determina la classificazione di prima, seconda e terza scelta.

Le piastrelle non smaltate si differenziano da quelle smaltate poiché sono caratterizzate da una struttura uniforme e non presentano nessuna differenza tra la superficie e il supporto (biscotto)

In base alle tecniche di produzione, le piastrelle in ceramica si distinguono in:

  • piastrelle pressate, realizzate per mezzo di una pressa ad altissima pressione;
  • piastrelle estruse, realizzate con il passaggio dell'impasto attraverso delle fessure.

Le piastrelle in gres porcellanato sono indicate sia per il rivestimento di ambienti interni, sia per quelli esterni, poiché, grazie alla cottura ad alte temperature, il prodotto è condotto fino al processo di vetrificazione, cosicché questa tipologia di piastrelle è in grado di garantire un ottimo livello di resistenza.

QUALI SONO I VANTAGGI E GLI SVANTAGGI DELLE PIASTRELLE IN CERAMICA?

Le piastrelle in ceramica sono caratterizzate da una particolare leggerezza, dovuta alla porosità dell'impasto, dunque, risultano molto più semplici da posare. Esse, infatti, possono essere adagiate anche su una pavimentazione già esistente, per mezzo della sola colla.

Per rendere l'idea delle principali caratteristiche vantaggiose e svantaggiose che offrono le piastrelle in ceramica, sarà opportuno cercare di paragonarle a due materiali impiegati per i rivestimenti, al fine di comprenderne le differenze.

Bagno rivestito con piastrelle in ceramica
(Bagno rivestito con piastrelle in ceramica)

Il marmo, ad esempio, è uno dei materiali più pregiati e per questo più costoso, ma al contempo, la sua elevata resistenza, deriva anche dalla sua pesantezza e robustezza; al contrario, come già detto, le piastrelle in ceramica sono molto più leggere ed economiche, ma anche meno durature e pregiate. Se paragonate ad un altro gigante dell'edilizia e del interior design, il parquet, si capirà quanto il calore di quest'ultimo non possa gareggiare con quello delle piastrelle in ceramica, le quali risulteranno meno accoglienti, ma senza dubbio più pratiche e restie a danneggiarsi.

Le nuove tecnologie e le nuove tecniche di lavorazione hanno permesso alle piastrelle in ceramica di eguagliare gli altri concorrenti, almeno per ciò che riguarda l'aspetto estetico; in commercio, infatti, è possibile trovare una molteplicità di effetti decorativi che richiamano i materiali originali, quali ad esempio il legno, il marmo e perché no, anche l'acciaio e tutti i metalli.

DOVE È POSSIBILE ACQUISTARE LE PIASTRELLE IN CERAMICA E QUALE È IL LORO COSTO?

Tutte le tipologie di piastrelle in ceramica sono reperibili presso i rivenditori di materiali edili, come anche quelli specializzati in rivestimenti e pavimentazioni di locali interni ed esterni. Anche il web mette a disposizione una lunga schiera di siti che consentono alla clientela di prenotare ed acquistare, con pochi click, le piastrelle necessarie e desiderate.

L'unico aspetto negativo dell'acquisto su internet sarebbe quello inerente alla problematica di non poter toccare con mano e vedere con i propri occhi ciò che si sta scegliendo. Il consiglio è quello di recarsi presso un rivenditore specializzato per valutare attentamente il prodotto che ci si accinge a comperare, controllando la ditta di produzione, il modello e tutte le caratteristiche ricercate e solo allora poter procedere con l'acquisto tramite internet.

Campioni di piastrelle in ceramica
(Campioni di piastrelle in ceramica)

I fattori estetici sono importanti nella scelta delle piastrelle, poichè bisogna che esse siano abbinate e adeguate ai locali da rivestire, infatti, le piastrelle dovranno essere scelte in funzione alla grandezza, alla luminosità, come anche allo stile dell'arredamento. Tuttavia, è fondamentale valutare anche altri fattori che rientrano tra le caratteristiche meccaniche delle piastrelle, al fine di scegliere quelle che meglio si adattano alle proprie esigenze.

In base alla tipologia di ceramica scelta, la forbice di prezzo tenderà ad allargarsi o a restringersi. Infatti, si va dagli 8/10 € nel caso di una monocottura di terza scelta, a 30/35 € nel caso di una prima scelta in gres porcellanato.

INNOVAZIONE NEL SETTORE DELLE CERAMICHE: NUOVI EFFETTI E PAVIMENTI AD INCASTRO

Con le piastrelle in ceramica è possibile dar vita a innumerevoli decori e a differenti varianti di abbinamenti, poiché molteplici sono le possibili rese. Dall'effetto legno, alle piastrelle effetto marmo, ai mosaici, fino ad arrivare a formati e dimensioni che nulla hanno a che vedere con le piastrelle alle quali siamo stati abituati fino ad ora.

Nonostante i formati e le decorazioni siano cambiate nel tempo, la posa delle piastrelle in ceramica rimane sempre uguale nel tempo, facile, e immediata. Da oggi, però, la posa delle piastrelle in ceramica diventa ancora più semplice grazie alla tecnica ad incastro a secco, ideata sulla scia della tecnica flottante del parquet.

Varie decorazioni di piastrelle in ceramica
(Varie decorazioni possibili con le piastrelle in ceramica)

Le piastrelle ad incastro possono essere facilmente posate senza ricorrere a personale specializzato, ma tramite le metodologie del fai da te, riuscendo, così, a far diventare le piastrelle i prodotti edilizi ancora più convenienti, abbattendo i costi della manodopera. La piastrella non vien alterata, dunque la sua finitura mantiene le caratteristiche ricercate, ma alla parte superiore viene applicato un supporto dentellato lungo i bordi, così da formare dei piccoli gancetti che andranno a incastrarsi con quelli della piastrella che seguirà nella posa.

Articolo letto 13.090 volte

Autore

Dott.ssa Sara Tomasello