Quali sono le caratteristiche che devono possedere le piastrelle adatte per le cucine in muratura? Che cosa valutare prima dell'acquisto?

Tutto quello che c'è da sapere sulle piastrelle per le cucine in muratura: dalle caratteristiche tecniche, a quelle estetiche. I fattori da considerare prima della scelta e del'acquisto delle piastrelle: le dimensioni della cucina e il resto dell'arredamento. I consigli sulla posa e le indicazioni sul prezzo.

Le cucine in muratura non tramonteranno mai, in quanto il loro stile inconfondibile, caldo, rustico ed accogliente è capace di coinvolgere i vecchi e i nuovi appassionati.
Non per forza l'intera struttura deve essere realizzata in muratura, in alcuni casi, ad esempio, la cucina prevede un intelaiatura prefabbricata in legno che in seguito viene rivestita mediante le piastrelle: il risultato è il medesimo.

Cucina in muratura da esterno
(Cucina in muratura da esterno)

La parte più entusiasmante e divertente, durante la progettazione e la costruzione di una cucina in muratura, è senza dubbio lo studio e la scelta delle piastrelle adeguate all'ambiente e alla resa estetica che si desidera realizzare.

QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DELLE PIASTRELLE IMPIEGATE PER IL RIVESTIMENTO DELLE CUCINE IN MURATURA?

La cucina in muratura è da sempre conosciuta e apprezzata per la sua estetica calda e accogliente; la sua bellezza, infatti, la precede, ma al contempo ne vengono esaltati anche altri fattori fondamentali, legati soprattutto agli aspetti tecnici.
Le cucine in muratura, chiaramente, devono le loro innumerevoli caratteristiche positive alle piastrelle impiegate per il rivestimento. Quest'ultime oltre ad essere particolarmente belle e decorate, risultano molto pratiche e resistenti.

Cucina in muratura
(Cucina e barbecue in muratura)

Talvolta le piastrelle per le cucine in muratura vengono realizzate su misura, a seconda dell'esigenza della committenza.
Le piastrelle, inoltre, costituiscono elementi duraturi, in grado di resistere al passare del tempo, poiché esse non mutano il loro aspetto e non perdono nemmeno la loro freschezza, tipica degli elementi nuovi.
Tra le peculiarità delle piastrelle utilizzate per il rivestimento, riconosciamo anche l'impermeabilità, la facilità di pulizia e la praticità nella manutenzione: tutte caratteristiche, queste, che vengono particolarmente apprezzate in luoghi come la cucina, sovente, soggetta ad accumulo di sporcizia.

CHE COSA È NECESSARIO VALUTARE PRIMA DI SCEGLIERE LE PIASTRELLE DELLE CUCINE IN MURATURA?

Prima di tutto, è necessario attenzionare le dimensioni della cucina, la larghezza, la profondità e la lunghezza del piano cottura; da qui si passa a valutare la scelta delle piastrelle, così da evitare tagli antiestetici, una volta giunti alla posa lungo il perimetro del piano: in particolar modo, la profondità del piano cottura deve risultare pari al multiplo della stessa mattonella.
Considerando la misura standard degli elettrodomestici, che solitamente si aggira intorno ai 60 cm, le mattonelle possono avere una dimensione pari a 10, a 15 o a 20 cm, in base alle proprie esigenze e preferenze estetiche e funzionali; solitamente, tuttavia, si preferisce optare per quelle con dimensione 10x10.
È necessario, dunque, valutare attentamente e preventivamente la collocazione degli elettrodomestici, valutando i punti luce e in modo tale da rendere la cucina più funzionale possibile, a seconda delle proprie esigenze.

Cucina in muratura per ambienti esterni
(Cucina in muratura per ampianti esterni)

Un altro fattore da valutare è lo spessore delle piastrelle: esse, infatti, dovranno essere molto sottili, così da non sporgere eccessivamente dalle pareti laterali della cucina e non rubare lo spazio necessario per i componenti e gli elettrodomestici.
Quando si decide di impiegare le piastrelle decorate, è indispensabile che esse abbiano un motivo piccolo, il quale non venga interrotto dai tagli dovuti alla dimensione del piano; in alterativa è sempre consigliabile scegliere fascette decorate.
Nel decorare una cucina in muratura, è sempre consigliabile scegliere con cura le piastrelle, così da garantire un motivo armonico con l'arredo e con il resto dell'ambiente: le decorazioni e i colori sono i due elementi indispensabili da tenere in considerazione, in particolar modo per quegli elementi che vengono lasciati a vista, come le cappe, le nicchie e le dispense.
Quando la struttura non è realizzata in muratura, ma si impiega un intelaiatura di legno per la sua realizzazione, è indispensabile scegliere accuratamente le piastrelle, poiché a diverso supporto corrisponderanno differenti tipologie di piastrelle.

QUALI SONO I COLORI DA PREFERIRE NELLA SCELTA DELLE PIASTRELLE PER UNA CUCINA IN MURATURA?

La scelta della tinta delle mattonelle, è l'aspetto più estroso nella valutazione di una cucina in muratura. La rosa di possibilità è molto ampia, così da rende ammissibile qualsiasi accostamento e abbinamento: dai più colorati ai più tenuti e pacati.
In realtà, scegliere il colore delle piastrelle è duro lavoro, in quanto tutto deve garantire un insieme armonico e delicato, così da non appesantire l'occhio e stufare dopo un paio di mesi. I gusti estrosi, bizzarri e fantasiosi sono ben accetti nelle cucine in muratura, tuttavia, è indispensabile non dimenticare di concepire tutto l'ambiente come unico, dunque, abbinare sapientemente tutti i componenti.

Cucina in muratura in stile rustico
(Cucina in muratura in stile rustico)

Nonostante le tinte accese siano da molti scelti, tuttavia, i colori più apprezzati per le cucine in muratura sono quelli chiari e naturali. Grande diffusione ha la terra di Siena, oppure il verde salvia: queste tonalità consentono di conferire all'ambiente un tocco di pacatezza e calore, in un completo senso di tranquillità che consente di allargare visivamente lo spazio della cucina, in pieno stile rustico e naturale.
Sono preferite le piastrelle lucide a quelle opache, solo per la semplicità di pulizia e per la raffinatezza ed eleganza che riescono a conferire agli ambienti.

COME POSARE LE PIASTRELLE DELLE CUCINE IN MURATURA?

La struttura della cucina può essere realizzata mediante l'impiego del legno, oppure costruita direttamente in muratura. Nel primo caso si avrà una struttura prefabbricata da rivestire, mentre, nel secondo caso, il più comune, in realtà, il cemento costituirà l'elemento principale e la struttura dovrà essere realizzata in loco.
La posa e la stuccatura delle piastrelle delle cucine in muratura va eseguita da mani esperti nel settore, dunque, sono meno diffuse, in questo campo, le tecniche del fai da te. Tuttavia, c'è chi, dotato di ottima manualità, riesce a realizzare una perfetta cucina in muratura.

Piano lavoro e lavello di una cucina in muratura
(Piano lavoro e lavello di una cucina in muratura)

È necessario prestare la massima attenzione e preservare il piano cottura da possibili e pericolosi vuoti, principali cause di infiltrazioni di umidità: gli spazi particolarmente soggetti a queste problematiche sono i bordi dei fornelli e quelli dei lavelli.
In realtà, la procedura da realizzare per la messa in posa della cucina in muratura, non differisce di molto da quella messa in pratica per le altre tipologie di rivestimento. L'unico diverso accorgimento, semmai, è quello di attenzionare particolarmente la dimensione e i tagli da eseguire sul piano e sulle pareti.
Per posare le piastrelle di una cucina in muratura occorrono i seguenti attrezzi e materiali:

  • piastrelle desiderate;
  • collante impermeabile con base siliconica a lunga durata;
  • spatola dentellata;
  • manicola;
  • recipiente;
  • fresa;
  • stucco impermeabilizzante;
  • panno umido.

Prima di procedere alla messa in posa delle piastrelle, è necessario preparare e pulire il sottofondo, che come anticipato, può essere realizzato o con uno struttura prefabbricata in legno, oppure mediante cemento.
Una volta pulito e preparato il fondo, è necessario stendere il collante e applicare man mano le piastrelle, facendo attenzione a rispettare le linee dei bordi e degli elettrodomestici; prima si riveste il piano di lavoro, poi le parti superiori e infine il muro frontale.
Per rivestire bordi ed angoli è indispensabile procurarsi dei pezzi adatti e già pronti (solitamente forniti direttamente dall'azienda di produzione, insieme alla confezione delle piastrelle), oppure ricavare dei tagli, mediante una fresa: va da sé che la manualità, in questo caso, è fondamentale e deve essere molto precisa.
Passate 24 ore, si procede con la stuccatura delle fughe e man mano anche alla pulizia, prima superficiale, realizzata quando l'impasto è ancora fresco, poi approfondita, quando tutto è perfettamente asciutto, rimuovendo le eventuali sbavature di prodotto.

Cucina in muratura per ambienti esterni
(Cucina in muratura per ambienti esterni)

Per far sì che anche il profilo anteriore venga rifinito, è possibile ricorrere a molteplici soluzioni, tra cui quella di impiegare un bordo in legno, oppure un rivestimento in ceramica coordinata; in quest'ultimo caso, è possibile trovare in commercio piastrelle già prefinite, da posare lungo il margine, oppure, tagliare appositamente gli elementi, così da creare i pezzi necessari.
Quando si procede con la rifinitura del fronte e dei fianchi del piano, è necessario che le piastrelle combacino perfettamente. Proprio per tale motivo, in commercio, sono disponibili delle pezzature speciali, in grado di facilitare questo compito; esse vengono chiamate jolly e sono tagliati a 45°. Le piastrelle jolly sono acquistabili a numero e non a confezione.

DOVE È POSSIBILE ACQUISTARE LE PIASTRELLE PER LE CUCINE IN MURATURA? QUANTO COSTANO?

Le piastrelle per le cucine in muratura sono disponibili presso qualsiasi rivenditore specializzato, in pratiche confezioni cartonate o plastificate.
È sempre consigliabile procurare il 10% in più della quantità totale delle piastrelle, poiché a causa di tagli o di improvvise rotture, è sempre possibile, provvedere alla loro sostituzione, senza per questo, alterare il colore.
Il prezzo di mercato delle piastrelle varia molto in base alla scelta, alla decorazione preferita, alle dimensioni, alla marca; tuttavia è possibile indicare un prezzo di riferimento che va da 30€ al mq, fino ad un massimo di 50€ al mq.

Autore

Dott.ssa Sara Tomasello