Come si realizzano i rivestimenti in pietra? La posa delle pietre da rivestimento

Come si posano le pietre da rivestimento? Tutti i consigli e le tecniche per realizzare superfici eleganti, equilibrate e di grande impatto estetico con la pietra naturale o ricostruita: il taglio delle pietre, la scelta, la preparazione del fondo, la disposizione degli elementi e la stuccatura.

Oggigiorno, le abitazioni sono diventate dei piccoli laboratori di sperimentazione creativa, all'interno dei quali poter dare vita a qualsiasi personalizzazione con una moltitudine di materiali  innovativi. L'high tech si abbina con il naturale, il classico al moderno e tutti gli stili architettonici e di design si rivalutano in questa apparente lotta e accozzaglia di tendenze.

Gli esperti, come anche i principianti, si accostano al settore dell'edilizia con uno spiccato interesse per le novità, spronati da una generale rivoluzione nei gusti e nelle esigenze della committenza. Nuovi e antichi materiali che vengono rivalutati e rivisitati in chiave moderna, tutti rientrano in un generale voglia di cambiamento che parte proprio dalle abitazioni, le quali si pongono in aperto contrasto con il mondo esterno, quasi a voler creare un micro mondo personalizzato, all'interno del quale poter vivere come meglio si desidera.

L'era delle crisi, dovute all'ipertecnologia e al flop dell'economica, inoltre, ha potenziato una consapevolezza e un'abilità che pochi, forse, credevano di possedere, ovvero, la riscoperta delle tecniche fai da te. Da qui è iniziata una ricerca sfrenata a tutte le metodologie di creazione e di posa dei materiali più disparati: dal parquet flottante, alla posa delle mattonelle in gres, fino ad arrivare alla realizzazione dei rivestimenti in pietra.

Come è possibile realizzare una pavimentazione o una parete senza l'aiuto di un esperto nel settore? L'importante è conoscere bene le tecniche e le procedure, nonché la natura dei materiali.
Dunque, come avviene la posa dei rivestimenti in pietra? Qui di seguito saranno svelate le mosse vincenti.

DA CHE COSA PARTIRE? LA SCELTA DEL MATERIALE E IL TIPO DI POSA DE ESEGUIRE

Scegliere di applicare un preciso materiale non dipende esclusivamente dall'aspetto estetico, dal formato, dal colore o dalle dimensioni del prodotto, ma principalmente dal luogo dove esso deve essere posato. Dunque, prima di valutare la combinazione di colori e materiali, è indispensabile comprendere la tipologia adatta per ogni singolo ambiente, poiché la scelta di un materiale, in questo caso una pietra errata, può compromettere la buona riuscita del lavoro finale.
All'interno del mercato è possibile scegliere tra due differenti tipologie di pietre:

  • le pietre a base di gesso;
  • le pietra in terra cotta, in cemento o in pietra ricostruita.

Tra entrambi i materiali, esistono sostanziali differenze, oltre che nel sistema di composizione e lavorazione, anche nel campo di applicazione. Mentre i primi sono impiegati maggiormente nella realizzazione di superfici interne di un'abitazione, i secondi, invece, possono essere impiegati, indifferentemente, sia per gli ambienti interni che per quelli esterni.

Rivestimento in pietra arificiale
(Posa di un rivestimento in pietra)

Va da sé che, in base alla tipologia di pietra scelta si dovrà optare anche per una differente tecnica di posa, nonché per l'impiego di prodotti specifici, differenti per ogni tipologia di superficie: ad esempio, per realizzare un rivestimento esterno in pietra sarà necessario ricorrere a prodotti che riescano a combattere efficacemente il gelo o le infiltrazioni d'acqua.

Inoltre, per posare le pietre sottili e leggere occorrerà procedere dall'alto verso il basso, in modo tale da non dover reciderle proprio sotto il soffitto, dove sono maggiormente in vista, al contrario, per le pietre pesanti, la posa verrà realizzata dal basso procedendo verso l'alto. In quest'ultimo caso, inoltre, sarà necessario impiegare la colla direttamente sulla pietra come anche sul supporto da rivestire, poiché il peso potrebbe non riuscire a garantire la presa.

COME REALIZZARE I TAGLI DELLE PIETRE?

Chiaramente, quando si sceglie una pietra naturale è necessario procedere al taglio di quest'ultima, poiché essa si presenterà come massa informe da dover suddividere, spaccandola in tanti pezzi. Solitamente, questo viene realizzato per mezzo di tecniche industriali, mentre per i piccoli ritocchi (ad esempio gli smussamenti degli angoli) si può anche procedere con mezzi molto più caserecci, o quantomeno più semplici.

Resti di pietra
(Resti di pietra edilizia derivati da tagli)

Per le pietre ricostruite, il primo procedimento non costituisce un passaggio fondamentale, poiché esse vengono realizzate per mezzo di stampi che ne forniscono direttamente la forma desiderata, ma anche in questo caso sarà possibile ricorrere alla recisione di alcune parti. È sempre utile conoscere le metodologie per procedere con il taglio delle varie tipologie di pietra che può avvenire mediante una molatrice, un flessibile con disco al diamante oppure, nel caso delle pietre con base di gesso, anche con una sega a mano.

QUALI SONO GLI ERRORI DA EVITARE PRIMA DI PROCEDERE ALLA POSA DELLE PIETRE?

Prima di procedere con la messa in posa delle pietre è necessario verificare la natura del fondo al fine di non rischiare che esso possa venir via e che quindi non regga il peso delle pietre, a causa di uno strato superficiale inconsistente e deole. Ciò accade, principalmente, in presenza dei seguenti supporti:

  • supporti verniciati;
  • supporti premiscelati;
  • supporti realizzati con stabilitura o malta fine;
  • supporti realizzati con collante spalmato solo in superficie, senza  la doppia spalmatura;
  • supporti molto assorbenti;
  • supporti termoisolanti;
  • supporti con temperature troppo elevate (che causano la bruciatura del collante) o al di sotto dello zero (che causano il congelamento del collante);
  • supporti non stabili, non sistemati e non livellati preventivamente con l'impiego di primer, aggrappanti o consolidanti.

COME SI DEVE PROCEDERE PER PREPARARE ADEGUATAMENTE IL SUPPORTO?

Prima di procedere alla posa degli elementi in pietra è necessario assicurarsi che il supporto sia ben asciutto, liscio, portante, privo di polvere, di muschi, alghe o residui vari e che consenta l'aderenza delle pietre, per questo motivo, è necessario valutare la natura del supporto e rispettare alcune preziose indicazioni:

  • se il supporto si presenta già ricoperto di piastrelle o placche di gesso, sarà il caso di levigare la superficie prima di posare le pietre, così da farle aderire bene;
  • se ad essere ricoperta è una superficie in cemento (in particolar modo durante i mesi estivi) sarà necessario inumidire la porzione de rivestire così da permettere una buona aderenza al rivestimento in pietra;
  • se la superficie non si presenta in ottimo stato, sarà il caso di procedere con il restauro totale, al fine di renderla piana e liscia, pronta per la posa della pietra.

Il supporto, inoltre, deve rispettare la normativa vigente relativa alla planarità: è necessario privarlo di qualsiasi sporgenza dovuta all'eccesso di malta superiore a 0,8 cm e deve essere trattato con uno prodotto impermeabilizzante per evitare la risalita dell'umidità.
L'unico ottimo consiglio, tuttavia, rimane quello di consultare le schede tecniche del prodotto, all'interno delle quali poter trovare il corretto metodo di posa. 

COME POSARE LA PIETRA?

Una volta preparato il supporto sul quale verranno applicate le pietre, è necessario procedere con la posa delle stesse.

IL DISEGNO DELLA POSA

Prima di iniziare a trattare della posa delle pietre è necessario fare una precisazione, forse banale, ma ugualmente indispensabile. Sia che si tratti di pietre naturali, sia che si tratti di pietre ricostruite, la posa qui di seguito descritta va riferita alle pietre leggere, ovvero quelle realizzate per il rivestimento e non quelle da costruzione.

Per realizzare una composizione equilibrata (se si tratta di pietre naturali) e veritiera (soprattutto se si tratta di pietre ricostruite) è indispensabile distribuire la scelta, prelevando gli elementi da più confezioni, variando le dimensioni, le forme, i colori e gli spessori.

Disposizione lineare delle pietre
(Disposizione lineare delle pietre per la realizzazione di un rivestimento esterno omogeneo)

È conveniente iniziare dai pezzi che vanno posizionati agli angoli, alternando le pietre di piccole dimensioni con quelle di grandi dimensioni. Se la superficie delle pietre non fosse liscia (ciò accade principalmente nel caso delle pietre naturali), allora sarà necessario creare gli spessori con il collante, al fine di rimediare alle irregolarità.

Per facilitare la posa, si consiglia di tracciare sulla superficie delle linee orizzontali equidistanti fra di loro, tendo conto delle dimensioni delle pietre e dello spessore dei giunti. I disegni tracciati attorno a porte, finestre consentiranno di realizzare un lavoro ben fatto.

L'INCOLLAGGIO

È indispensabile scegliere il collante giusto, valutando il clima ambientale e la temperatura del fondo, l'assorbenza e, in generale, dopo aver preparato l'impasto con la densità che si desidera, è consigliabile lasciarlo riposare per almeno 10 minuti prima di mescolarlo e applicarlo sulla superficie.

Incollaggio delle pietre edilizie
(Incollaggio delle pietre edilizie)

Per spalmare la colla sarà necessario servirsi di una spatola dentellata e poi procedere con regolarità ricoprendo 3 o 4 file di pietre, applicando le stesse prima in maniera orizzontale e poi una sotto l'altra, facendo una leggera pressione per farle aderire al supporto.

STUCCATURA

La buona riuscita di una superficie in pietra è anche merito di una stuccatura eseguita ad opera d'arte. È possibile realizzare due differenti tipi di stuccatura, ovvero:

  • fonda;
  • rasa.

Con la prima, si mettono in evidenza le pietre, poiché lo stucco viene livellato, con la seconda, invece, lo stucco viene posato allo stesso livello della superficie in pietra.

Articolo letto 44.851 volte

Autore

Dott.ssa Sara Tomasello