Come prendersi cura del proprio parquet

Un pavimento in legno è sicuramente una scelta molto raffinata per la propria casa e in passato si credeva che la sua manutenzione e pulizia fossero operazioni difficili e di costante applicazione. Invece no. Indubbiamente bisogna tenere a mente alcune accortezze per mantenere sempre vivo il legno ma si tratta di accortezze che, nel quotidiano, diventano la routine.

Un pavimento in legno è sicuramente una scelta molto raffinata per la propria casa e in passato si credeva che la sua manutenzione e pulizia fossero operazioni difficili e di costante applicazione. Invece no.

Il pavimento in legno implica in se una vasta scelta sia per il materiale con il quale comporre il proprio pavimento sia per la stessa posa, ovvero la grandezza delle tavole e la loro disposizione. Indubbiamente bisogna tenere a mente alcune accortezze per mantenere sempre vivo il legno ma si tratta di accortezze che, nel quotidiano, diventano la routine.

Per quanto riguarda la pulizia del parquet bisogna evidenziare alcune differenze, ovvero se si tratta di un pavimento in legno verniciato, in legno cerato o ancora in legno con finitura ad olio, e, in base a queste differenze, le operazioni di pulizia cambiano, siano esse ordinarie o straordinarie. Un primo passo, quindi, resta la conoscenza precisa del proprio parquet o la scelta consapevole al momento dell'acquisto.

Come prendersi cura del proprio parquet

(Come prendersi cura del proprio parquet)

Per quanto riguarda la manutenzione, invece, si può parlare un pochino più in generale. Innanzitutto, però, occorre ricordare che il legno, essendo un materiale naturale, tende ad adagiarsi alle condizioni in cui si trova e queste condizioni cambiano in base alla temperatura, all'irraggiamento ricevuto dall'ambiente, al tasso di umidità. Se non si controllano accuratamente questi semplici parametri, il legno tende a rovinarsi e a subire spiacevoli deformazioni.

Ecco, dunque, alcuni piccoli consigli, per la corretta manutenzione del proprio parquet.

Alcuni piccoli consigli per la manutenzione del pavimento in parquet

(Alcuni piccoli consigli per la manutenzione del pavimento in parquet)

RISCALDAMENTO E UMIDIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI IN INVERNO

È importante riscaldare gli ambienti in maniera graduale, evitando, quindi, bruschi sbalzi di temperatura. Per limitare ulteriormente questi sbalzi termici occorre anche umidificare correttamente l'ambiente, sia con una corretta areazione naturale sia attraverso l'applicazione di vaschette ai termosifoni. Nel caso di riscaldamenti a pavimento, occorre utilizzare degli umidificatori elettrici, oltre a quelli naturali.

CONDIZIONI CLIMATICHE INTERNE

In questo caso, bisogna calcolare un corretto bilanciamento tra umidità e temperatura dell'aria. In questo caso, oltre al benessere del proprio parquet anche le condizioni per l'uomo migliorano notevolmente. In particolare occorre che la temperatura sia tra i 15° e i 20° e mai inferiore ai 10°, mentre il tasso di umidità interna all'ambiente dovrebbe essere costante all'interno dell'intervallo fra il 45% e il 60%. Infatti, una continua esposizione del parquet ad un clima secco potrebbe causare delle piccole fessurazioni fino ad arrivare ad irrimediabili micro-fratture. Mentre se l'ambiente risulta troppo umido, il parquet potrebbe dilatarsi in maniera irreversibile.

ATTENZIONE AI PESI

Il legno potrebbe facilmente deformarsi anche a causa di pesi eccessivi concentrati in superfici ridotte, come, ad esempio, piedi di mobili o gambe delle sedie, o sgabelli e scale. In questo caso, si possono applicare feltri protettivi e cercare di non caricare questi mobili specie se scaricano sul parquet in maniera puntiforme.

ATTENZIONE ALL'INGRESSO

Questo consiglio potrebbe sembrare banale eppure è di fondamentale importanza. Posizionare uno zerbino all'ingresso dell'abitazione e tenere sempre le scarpe pulite, impedisce l'ingresso in casa di particelle di sporco o ghiaetta che potrebbero graffiare o sporcare il pavimento in maniera irreparabile. La stessa attenzione va posta agli animali domestici oppure nell'evitare di strusciare oggetti sul pavimento, come sedie o valigie.

Articolo letto 308 volte

Autore

Chiarina Tagliaferri